Ogni giorno è con te

19 Febbraio, Martedì
Login

Casi&Pareri

Indietro

Supplenze: la docente contattata telefonicamente, dopo aver accettato presenta certificato di medico di gravidanza a rischio...

 06/02/2019
 Personale docente
 
Personale/docenti: supplenze

#candidata #mad #supplenza #mail #telefonata #contattare #segretaria #posta #interdizione #ginecologo
Domanda
Vista l’assenza di un’insegnante di scuola dell’Infanzia dal 22 al 25 gennaio 2019, in data 23 gennaio 2019 la segreteria procedeva alla sua sostituzione.
Come sempre, si procedeva alle chiamate telefoniche sin dalle ore 7,30 circa del mattino del 23 gennaio 2019, a partire dai nominativi inseriti nella graduatoria di I e II fascia.
Appurata la non disponibilità delle persone contattate in tali fasce, la ricerca di supplente continuava scorrendo le MAD (messe a disposizione).
Alle ore 7,40 circa veniva contattata una candidata (che aveva segnalato la sua disponibilità tramite MAD, che non risulta pertanto in nessuna fascia e che è senza titolo) che accettava la supplenza; nel corso della telefonata la segretaria le spiegava presso quale plesso avrebbe dovuto prendere servizio dalle ore 11,00 alle ore 17,00 del giorno stesso, ossia il 23 gennaio 2019.
Alle ore 8,00 circa la candidata richiamava telefonicamente la scuola e chiedeva l’indirizzo mail dell’I.S.; alla richiesta di chiarimento da parte della segretaria, la candidata diceva di averne bisogno per inviare alla scuola il certificato medico attestante la sua gravidanza (stato, quest’ultimo, al quale nella precedente telefonata la candidata non aveva fatto cenno).
Alle ore 8.05 giungeva quindi dalla candidata una mail contenente copia di certificato medico ginecologico datato 18 gennaio 2019 (non redatto quindi dal medico competente per l’interdizione dal lavoro) in cui il medico ginecologo dichiara che “la suddetta è affetta da minaccia di aborto e .......”.
La supplente non prendeva quindi servizio presso l’I.S.

Si chiede se codesta I.S. sia tenuta a fare alla candidata il contratto e a riconoscere il congedo come astensione anticipata dal lavoro per gravi complicanze della gestazione visto che:
- la candidata è fuori graduatoria;
- la candidata non ha mai preso servizio presso l’I.S. nei giorni concordati nella prima telefonata;
- la certificazione medica inviata non è un certificato di interdizione dal lavoro rilasciato dall’azienda USL (S.C. Prevenzione e Sicurezza).
©2002-2019 Italiascuola.it s.r.l., Via Bernini 22/A - 43100 Parma tel +39 0521 299350 fax +39 0521 952340 - e-mail info@italiascuola.it - P.I. 06851861002 Testata giornalistica (Reg. al Trib. di Roma n. 120/2002 del 27 marzo 2002) ISSN 2465-2504.
Direttore responsabile: Ruggero Cornini. Ente accreditato per la formazione del personale della scuola con Decreto MIUR del 10-07-2009
Sede legale
Viale del Policlinico n. 129/A Roma (RM) - Iscritta al Registro Imprese di: ROMA C.F. e numero iscrizione: 06851861002 Iscritta al R.E.A. di ROMA al n.994736 Capitale Sociale sottoscritto: 100.000 Interamente versato Partita IVA: 06851861002
  Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.