Ogni giorno è con te

6 Giugno, Sabato
Login

Casi&Pareri

Indietro

Supplenza: rettifica del punteggio, risoluzione del contratto e transazione...

 20/05/2020
 Personale docente
 
Personale/docenti: supplenze

#transazione #rettifica #punteggio #scuola #supplente #controversia #firmare #conciliare #risoluzione #causa
Domanda
Nomina supplente – rettifica punteggio – risoluzione contratto – transazione

La SCUOLA A stipula contratto a tempo determinato con supplente reperito da graduatoria di terza fascia gestita dalla SCUOLA B.

Dopo 30 giorni la SCUOLA A chiede alla SCUOLA B la verifica e la convalida dei titoli del supplente nominato.

Dopo altri 34 giorni la SCUOLA B rettifica il punteggio del supplente, "verificato che nessuno fra i titoli dichiarati dall’aspirante nella sezione C4 del Modello A2 può essere valutato secondo quanto previsto alla lettera B della “Tabella B” di valutazione".

Dopo ulteriori 5 giorni la SCUOLA A riceve il decreto di rettifica di punteggio da parte della SCUOLA B.

Dopo altri 7 giorni, la SCUOLA A, verificato che con tale punteggio il supplente non è più l’avente diritto alla nomina, essendo scavalcato da altri candidati aventi maggior punteggio, trasmette al supplente decreto di risoluzione del contratto.

Nei mesi successivi il supplente afferma che a causa dei tempi di rettifica del punteggio ha dovuto, nel corso della prestazione del servizio nella SCUOLA A, rifiutare altre offerte di nomina da parte di altre scuole. Pertanto, il supplente chiede che gli vengano riconosciuti i 12 punti per il servizio perso a causa della tardiva (e comunque non obbligata, a suo dire) risoluzione.

Dopo tentativo di conciliazione non riuscito, il supplente ricorre in giudizio, chiamando in causa: il Ministero dell'istruzione, l’Ambito Territoriale scolastico di riferimento, la SCUOLA A e la SCUOLA B.

Nelle more del procedimento giudiziario (nel quale vengono SEMPRE convocate TUTTE le parti chiamate in causa prima dette, anche la SCUOLA B) il Giudice del Lavoro:
• dichiara contumace la SCUOLA B;
• invita le parti a valutare la possibilità di conciliare la controversia mediante il riconoscimento dei 12 punti come servizio annuale e rinuncia da parte del ricorrente a ogni pretesa economica formulata nell'atto introduttivo del giudizio.

La SCUOLA A esprime formalmente il proprio assenso, la SCUOLA B, non si esprime. L’Ambito Territoriale scolastico dichiara il proprio nulla osta alla transazione e precisa che “Questo Ufficio Scolastico Provinciale interviene nel giudizio in parola esclusivamente per supporto tecnico alla difesa dell'istituzione scolastica suddetta [l’altra istituzione è coinvolta, ma contumace, n.d.r.]. Alla luce di dette precisazioni si evince che, ogni e qualunque decisione in merito alla definizione stragiudiziale e bonaria della controversia, nonché alla formalizzazione della stessa, dovrà intercorrere tra il Dirigente Scolastico della SCUOLA A, che ha espresso parere favorevole, ed il ricorrente”.

Quesito:
può la SCUOLA A essere l’unica a firmare l’atto di transazione sollecitato dal Giudice? Non deve, lo stesso atto, essere firmato anche, almeno, dalla SCUOLA B, responsabile della rettifica di punteggio? Che rischi correrebbe la SCUOLA A se fosse l’unica a firmare l’atto di transazione?
©2002-2020 Italiascuola.it s.r.l., Via Bernini 22/A - 43100 Parma - e-mail info@italiascuola.it - P.I. 06851861002 Testata giornalistica (Reg. al Trib. di Roma n. 120/2002 del 27 marzo 2002) ISSN 2465-2504.
Direttore responsabile: Ruggero Cornini. Ente accreditato per la formazione del personale della scuola con Decreto MIUR del 10-07-2009
Sede legale
Viale del Policlinico n. 129/A Roma (RM) - Iscritta al Registro Imprese di: ROMA C.F. e numero iscrizione: 06851861002 Iscritta al R.E.A. di ROMA al n.994736 Capitale Sociale sottoscritto: 100.000 Interamente versato Partita IVA: 06851861002
  Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.

Gentile utente, se vede questo messaggio è possibile che ci sia un problema con l’account che sta utilizzando per accedere a Italiascuola.it.

Per verificare che abbiate un utente abilitato, cliccate sul vostro nome in alto a destra. L'account abilitato sul quale cliccare presenterà l'icona "ITLS" sulla sinistra.

Se siete abbonati ai servizi telematici di Italiascuola.it, la prima volta che accedete al nuovo sito dovete inserire le vostre vecchie credenziali (username e password) e seguire la procedura di conferma dati. Troverete le istruzioni utili per eseguire l’autenticazione qui. Se avete già effettuato il primo accesso al nuovo sito e non riuscite più a entrare, oppure se non siete abbonati e volete scoprire come si fa, scriveteci pure a info@italiascuola.it e vi aiuteremo. Grazie!