Ogni giorno è con te

30 Settembre, Mercoledì
Login

Casi&Pareri

Indietro

Organizzazione delle aule e della didattica: non sembra esserci pieno accordo, tra noi e la Provincia, sull'adeguatezza delle aule...

 04/09/2020
 Altro
 
Ordinamenti/didattica/esami secondo ciclo: organizzazione classi e didattica nei licei
Ordinamenti/didattica/esami secondo ciclo: organizzazione classi e didattica tecnici e profess.

#aula #ddi #cts #metro #sicurezza #corridoio #covid #elevamento #presenza #classe
Domanda
SICUREZZA /AUTONOMIA ORGANIZZATIVA PER LA RIPRESA IN EMERGENZA COVID

L'esito degli incontri fra Regioni, Governo e Cts sembra ormai nettamente prefigurare un elevamento (sebbene - a mio personale giudizio - "forzoso") della capacità di trasporto pubblico scolastico prossimo al 100% (considerando l'allentamento delle misure di sicurezza, nonché le risorse per l'affitto di autobus privati ed altro). Rimane però la situazione di aule che non solo i ds ma anche l'ente locale (chiamato ad una verifica ulteriore da parte dell'USR) hanno dichiarato come non adeguate al rispetto delle misure anti Covid dello stesso Cts (1 metro fra gli studenti e 2 metri dal docente).
Infatti, l'Usr ha chiesto alla scuola di verificare la "adeguatezza" o meno delle aule alla luce dei criteri suddetti del CTS (1 metro fra gli studenti e 2 metri dal docente, con corridoi di almeno 60 cm). In risposta, la scuola (applicando i suddetti criteri del CTS e inserendo corridoi di "fuga" di almeno 80 cm) ha dichiarato un elevato numero di aule non "adeguate". La Provincia, su richiesta sempre di USR, ha effettuato le sue verifiche e, introducendo criteri meno restrittivi (sulla ampiezza dei corridoi interni alle aule), ha identificato un numero di aule "inadeguate" molto meno numeroso.
In questo contesto, il liceo (che ha indirizzi classico, linguistico, di scienze umane, artistico) aveva programmato la possibilità di una didattica digitale integrata, assumendo come motivazione ulteriore, oltre alla inadeguatezza di molte aule, anche la necessità determinata dalle necessarie limitazioni imposte dal trasporto. Si era perciò prevista la divisione delle classi in due gruppi con il ricorso alla DDI (fatte salve le classi 1° e 5° di tutti gli indirizzi , nonché tutte le classi dell'indirizzo artistico in virtù della presenza di discipline laboratoriali specifiche che molto difficilmente possono essere seguite non in presenza). Ciò avrebbe anche decongestionato gli assembramenti e l'affollamento aule, riducendo l'esposizione a rischio contagio. A tal fine erano stati anche fatti investimenti in strumentazione informatica e reti.
Ora, invece, con l'elevamento della capacità di trasporto a quasi il 100% e sulla base della dichiarazione di inadeguatezza di sole poche aule da parte della Provincia, secondo alcuni il quadro potrebbe mutare.
1) Si renderebbe obbligatoria una didattica interamente in presenza per tutti gli studenti anche in queste aule "inadeguate" (costringendoli a portare la mascherina anche dal banco per l'intera durata delle lezioni del giorno)? Oppure rimane possibile per la scuola, nella sua autonomia, continuare a prevedere una forma di DDI?
2) Sembra che il direttore USR chieda di mantenere la DDI solo per le aule riconosciute "inadeguate" dalla Provincia. Eventualmente, sarebbe possibile, per ragioni di sicurezza interna e prevenzione secondo criteri di prudenza, mantenere il piano predisposto e cioè estendere la DDI anche ad altre classi (le classi dalla 2° alla 4°) oltre il numero delle sole classi corrispondenti alle aule "inadeguate" in base ai calcoli della Provincia?
©2002-2020 Italiascuola.it s.r.l., Via Bernini 22/A - 43100 Parma - e-mail info@italiascuola.it - P.I. 06851861002 Testata giornalistica (Reg. al Trib. di Roma n. 120/2002 del 27 marzo 2002) ISSN 2465-2504.
Direttore responsabile: Ruggero Cornini. Ente accreditato per la formazione del personale della scuola con Decreto MIUR del 10-07-2009
Sede legale
Viale del Policlinico n. 129/A Roma (RM) - Iscritta al Registro Imprese di: ROMA C.F. e numero iscrizione: 06851861002 Iscritta al R.E.A. di ROMA al n.994736 Capitale Sociale sottoscritto: 100.000 Interamente versato Partita IVA: 06851861002
  Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.

Gentile utente, se vede questo messaggio è possibile che ci sia un problema con l’account che sta utilizzando per accedere a Italiascuola.it.

Per verificare che abbiate un utente abilitato, cliccate sul vostro nome in alto a destra. L'account abilitato sul quale cliccare presenterà l'icona "ITLS" sulla sinistra.

Se siete abbonati ai servizi telematici di Italiascuola.it, la prima volta che accedete al nuovo sito dovete inserire le vostre vecchie credenziali (username e password) e seguire la procedura di conferma dati. Troverete le istruzioni utili per eseguire l’autenticazione qui. Se avete già effettuato il primo accesso al nuovo sito e non riuscite più a entrare, oppure se non siete abbonati e volete scoprire come si fa, scriveteci pure a info@italiascuola.it e vi aiuteremo. Grazie!