Ogni giorno è con te

13 Agosto, Sabato
Login

Casi&Pareri

Indietro

Sanzione disciplinare ad un alunno: riceviamo una diffida per la mancata applicazione del principio di gradualità...

 04/08/2022
 Alunni, alunni portatori di handicap
 
Alunni/disciplina: sanzioni disciplinari

#gradualità #sanzione #impugnazione #studente #improcedibilità #annotazione #ammonizione #intento #principio #garanzia
Domanda
L'istituto riceve l'allegata diffida in cui si eccepisce la non applicazione del principio di gradualità che deve permeare l'azione amministrativa (non si è mai sollevata un'ammonizione formale verbale ma direttamente solo scritta) e intento persecutorio, in particolare da parte di una docente e dell'Istituto stesso lesivo della dignità dello studente
Ci si lamenta del rigetto di un'opposizione ad annotazioni disciplinari in quanto le medesime, poste a fondamento dell'ammonizione formale scritta non sarebbero state sottoposte a gravame nei termini normativamente previsti, il ricorso non era indirizzato all'Organo di Garanzia e presentato dai genitori dello studente ormai maggiorenne.
Si sostiene, in detta diffida, che la maggiore età dello studente non poteva precludere il ricorso dei genitori in quanto in base a quanto disposto dall'art. 5 D.P.R. 24 giugno 1998, n. 249 ss.mm.ii." Contro le sanzioni disciplinari è ammesso ricorso, da parte di chiunque vi abbia interesse..." e che la mancata impugnazione di sanzioni disciplinari non riveste condizione di improcedibilità.
Si sottolinea, inoltre, come non sia mai stata offerta la possibilità allo studente di convertire le sanzioni in attività da svolgere in favore della comunità scolastica.
Detti comportamenti vessatori ed in particolare l'abuso di potete disciplinate da
parte di una docente avrebbero pertanto comportato non poche difficoltà per il medesimo soprattutto sul piano psicologico.
Tenuto conto che si è sempre qualificata la annotazione disciplinare quale atto amministrativo si chiede:
1) se l'azione illustrata deve rispettare il principio di gradualità
1) se l'impugnazione di detti atti si prescrive in 60 gg dall'avvenuta conoscenza e se la mancata impugnazione non rivesta condizione di improcedibilità.
2) se i genitori del maggiorenne possano comunque impugnare le annotazioni disciplinari.
3) se si può sostenere che l'Istituto abbia intento persecutorio.
Si ringrazia per la risposta.
©2002-2022 Italiascuola.it s.r.l., Via Bernini 22/A - 43100 Parma - e-mail info@italiascuola.it - P.I. 06851861002 Testata giornalistica (Reg. al Trib. di Roma n. 120/2002 del 27 marzo 2002) ISSN 2465-2504.
Direttore responsabile: Ruggero Cornini. Ente accreditato per la formazione del personale della scuola con Decreto MIUR del 10-07-2009
Sede legale
Viale del Policlinico n. 129/A Roma (RM) - Iscritta al Registro Imprese di: ROMA C.F. e numero iscrizione: 06851861002 Iscritta al R.E.A. di ROMA al n.994736 Capitale Sociale sottoscritto: 100.000 Interamente versato Partita IVA: 06851861002

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella COOKIE POLICY.

Gentile utente, se vede questo messaggio è possibile che ci sia un problema con l’account che sta utilizzando per accedere a Italiascuola.it.

Per verificare che abbiate un utente abilitato, cliccate sul vostro nome in alto a destra. L'account abilitato sul quale cliccare presenterà l'icona "ITLS" sulla sinistra.

Se siete abbonati ai servizi telematici di Italiascuola.it, la prima volta che accedete al nuovo sito dovete inserire le vostre vecchie credenziali (username e password) e seguire la procedura di conferma dati. Troverete le istruzioni utili per eseguire l’autenticazione qui. Se avete già effettuato il primo accesso al nuovo sito e non riuscite più a entrare, oppure se non siete abbonati e volete scoprire come si fa, scriveteci pure a info@italiascuola.it e vi aiuteremo. Grazie!