Ogni giorno è con te

27 Gennaio, Venerdì
Login

Casi&Pareri

Indietro

Educazione motoria nella primaria: adattamento ai diversi modelli orari...

 20/01/2023
 Autonomia didattica, organizzativa e di ricerca
 
Ordinamenti/didattica/esami primo ciclo: organizzazione classi nel primo ciclo

#educazione #modello #classe #tempo #disallineate #introduzione #insegnamento #mensa #generare #rideterminare
Domanda
Orario insegnamento educazione motoria nelle classi quinte e future quarte.

Con riferimento all’introduzione del docente esperto di educazione motoria nelle classi quinte e future quarte, e considerato che tale introduzione ha generato notevoli difficoltà di ordine organizzativo per:
- organizzazione familiare dei genitori
- utilizzo del locale palestra tra le scuole primarie e secondarie, disallineate con gli orari di ogni singola unità oraria
- settimana articolata su cinque giorni
- settima ora per due giorni a settimana
si pone il seguente quesito volto a verificare le condizioni di legittimità.

Può il Collegio rideterminare il monte ore delle discipline del curricolo, corrispondente al modello organizzativo di trenta ore settimanali, ricomprendendo le due ore di educazione motoria all’interno del modello scelto dai genitori all’atto dell’iscrizione? In tale circostanza, può l’Istituto esercitare le facoltà autonomistiche in maniera legittima ovvero senza venire meno alla natura contrattuale dell’atto amministrativo noto con il nome di “iscrizione”?
All'educazione motoria sarebbero assegnate le due ore come da normativa, stante la presenza dell’esperto esterno, mentre ai docenti del team competerebbero le discipline curricolari secondo il modello 27 ore disciplinari + 1 ora di laboratorio tematico + due ore di motoria, in ogni caso equivalente al modello a trenta ore sett.li.
Tale soluzione – ove possibile – andrebbe anche incontro alle richieste delle famiglie che diversamente vedono stravolte le possibilità di conciliazione dei tempi lavorativi e scolastici del nucleo familiare. Il Consiglio di Istituto esercita molte pressioni in tal senso.
In tale ipotesi, applicabile dal prossimo a.s. sulle future classi quarte e quinte, si verrebbe a determinare la condizione di docenti perdenti posto?
©2002-2023 Italiascuola.it s.r.l., Via Bernini 22/A - 43100 Parma - e-mail info@italiascuola.it - P.I. 06851861002 Testata giornalistica (Reg. al Trib. di Roma n. 120/2002 del 27 marzo 2002) ISSN 2465-2504.
Direttore responsabile: Ruggero Cornini. Ente accreditato per la formazione del personale della scuola con Decreto MIUR del 10-07-2009
Sede legale
Viale del Policlinico n. 129/A Roma (RM) - Iscritta al Registro Imprese di: ROMA C.F. e numero iscrizione: 06851861002 Iscritta al R.E.A. di ROMA al n.994736 Capitale Sociale sottoscritto: 100.000 Interamente versato Partita IVA: 06851861002

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella COOKIE POLICY.

Gentile utente, se vede questo messaggio è possibile che ci sia un problema con l’account che sta utilizzando per accedere a Italiascuola.it.

Per verificare che abbiate un utente abilitato, cliccate sul vostro nome in alto a destra. L'account abilitato sul quale cliccare presenterà l'icona "ITLS" sulla sinistra.

Se siete abbonati ai servizi telematici di Italiascuola.it, la prima volta che accedete al nuovo sito dovete inserire le vostre vecchie credenziali (username e password) e seguire la procedura di conferma dati. Troverete le istruzioni utili per eseguire l’autenticazione qui. Se avete già effettuato il primo accesso al nuovo sito e non riuscite più a entrare, oppure se non siete abbonati e volete scoprire come si fa, scriveteci pure a info@italiascuola.it e vi aiuteremo. Grazie!