Ogni giorno è con te

22 Febbraio, Giovedì
Login

Casi&Pareri

Indietro

Appalti di servizi e forniture sotto soglia: la stazione appaltante può sostituire il certificato di conformità con il certificato di regolare esecuzione?

 19/05/2023
 Autonomia gestionale e finanziaria
 
Acquisti/forniture/contratti: procedura di gara

Domanda
Spett.le Italiascuola, desidero porre il seguente quesito relativamente alla verifica di conformità, negli appalti di servizi e forniture.

In base all’art. 102 del D.Lgs. 50/2016: “Per i lavori di importo pari o inferiore a 1 milione di euro e per forniture e servizi di importo inferiore alla soglia di cui all'articolo 35, è sempre facoltà della stazione appaltante sostituire il certificato di collaudo o il certificato di verifica di conformità con il certificato di regolare esecuzione rilasciato per i lavori dal direttore dei lavori e per forniture e servizi dal responsabile unico del procedimento. Nei casi di cui al presente comma il certificato di regolare esecuzione è emesso non oltre tre mesi dalla data di ultimazione delle prestazioni oggetto del contratto”.

Per quanto sopra, limitatamente agli appalti di servizi e forniture sotto soglia, la stazione appaltante può liberamente decidere di sostituire il certificato di conformità con il certificato di regolare esecuzione, rilasciato direttamente dal R.U.P., senza quindi necessità di nominare un collaudatore (nello specifico, direttore di esecuzione del contratto)?
In sostanza, il dirigente scolastico che ricopre, nell’ambito del piano scuola 4.0, sia l’incarico di project manager sia l’incarico di R.U.P., può rilasciare direttamente il certificato di regolare esecuzione, nel caso in cui la stazione appaltante si avvalga della facoltà di cui al comma 1 dell’art. 102 di cui sopra, sussistendone i presupposti (appalti sotto soglia)? Se invece la stazione appaltante non si avvalesse della facoltà di sostituire il certificato di conformità con il certificato di regolare esecuzione (sussistendone i presupposti), dovrebbe allora procedere all’affidamento di un incarico di verifica di conformità, tenendo presenti le incompatibilità di cui al successivo comma 7 del sopra citato art. 102? E quindi, considerando quanto previsto alla lettera d (comma 7), chi si occupa ad esempio di progettazione, non può fare per lo stesso appalto, anche verifiche di conformità, ovvero non può fare il collaudatore?
Ringraziando anticipatamente per la cortese risposta, porgo distinti saluti.
©2002-2024 Italiascuola.it s.r.l., Via Bernini 22/A - 43100 Parma - e-mail info@italiascuola.it - P.I. 06851861002 Testata giornalistica (Reg. al Trib. di Roma n. 120/2002 del 27 marzo 2002) ISSN 2465-2504.
Direttore responsabile: Ruggero Cornini. Ente accreditato per la formazione del personale della scuola con Decreto MIUR del 21-03-2016
Sede legale
Viale del Policlinico n. 129/A Roma (RM) - Iscritta al Registro Imprese di: ROMA C.F. e numero iscrizione: 06851861002 Iscritta al R.E.A. di ROMA al n.994736 Capitale Sociale sottoscritto: 100.000 Interamente versato Partita IVA: 06851861002

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella COOKIE POLICY.

Gentile utente, se vede questo messaggio è possibile che ci sia un problema con l’account che sta utilizzando per accedere a Italiascuola.it.

Per verificare che abbiate un utente abilitato, cliccate sul vostro nome in alto a destra. L'account abilitato sul quale cliccare presenterà l'icona "ITLS" sulla sinistra.

Se siete abbonati ai servizi telematici di Italiascuola.it, la prima volta che accedete al nuovo sito dovete inserire le vostre vecchie credenziali (username e password) e seguire la procedura di conferma dati. Troverete le istruzioni utili per eseguire l’autenticazione qui. Se avete già effettuato il primo accesso al nuovo sito e non riuscite più a entrare, oppure se non siete abbonati e volete scoprire come si fa, scriveteci pure a info@italiascuola.it e vi aiuteremo. Grazie!